Foglio delle Campane di Rogoredo
Comunicazione di Formazione Religiosa
 
foglio domenicale

FESTONE 2019 : un popolo di molte genti ..

Nella sua prima parte, il titolo del festone di quest’anno riprende i temi proposti dal nostro Arcivescovo e dal lavoro del sinodo “Chiesa dalle genti” in un momento dove c’è il rischio di ridurre le questioni a ciò di cui si occupano i “media” e l’opinione pubblica di massa, in maniera sempre molto epidermica e sensazionale...Ma  fortunatamente non ci sono solo questi modi di intendere e di leggere la realtà e i suoi accadimenti.

 

 

 

 

 

Inoltre il “respiro“ del Sinodo diocesano era molto più ampio e vasto della sola sfida, pure urgente e complessa delle migrazioni. Così l’Arcivescovo Delpini scriveva nel testo che accompagnava le  “costituzioni” sinodali: “Mentre le letture politiche, sociologiche, storiche, cronachistiche possono leggere il convergere di molti popoli come un problema da affrontare, come una minaccia da cui difendersi, come un fenomeno da regolamentare, i discepoli di Gesù che formano la Chiesa cattolica continuano a dimorare nello stupore, ad essere fuori di sé per la meraviglia, ad ascoltare la parola degli Apostoli che danno testimonianza della Pasqua del Signore con un annuncio che risponde alle attese di tutti.

Sono certo che le singole comunità vivono così la loro esperienza di essere nella Chiesa cattolica, anche se sono ben consapevole che l’evento di Pentecoste non si impone con aggressività indiscutibile e irresistibile, ma si offre come invito e rivelazione. Tutti possono essere tentati dallo scetticismo che circonda fin dall’inizio la testimonianza apostolica e che induce a passare dallo stupore al discredito e di opporre resistenza alla rivelazione dello Spirito, per non lasciarsi inquietare dalla novità cristiana, per non dover mettere in discussione i pregiudizi radicati, per non lasciarsi convincere alla conversione”.

Anche noi, come comunità di minoranza, in un quartiere ormai simile ad una cittadina per numeri e provenienze, per differenze culturali e religiose, non possiamo non lasciarci interrogare da quanto scritto sopra, liberi dalla prigionia dei rimpianti per un passato che non c’è più ma capaci di custodire la nostalgia per tutto il bello che questo passato ci ha regalato e per la scuola di vita che esso ha rappresentato e che non va perduta ma, semmai, trasmessa alle generazioni che vengono e alle “genti“ che incontriamo anche qui (e a cui in verità anche noi apparteniamo perché siamo tuti “ospiti” su questa terra), con pazienza e saggezza, senza intolleranze ed estremizzazioni sterili. 

Don Marco

 

VERSO IL GREST 2019 :  “ BELLA STORIA “

 

In questa settimana si sono aperte le iscrizioni al  Grest 2019, l’oratorio estivo che, insieme alla Vacanza al Tonale e ad alcune esperienze di vita comune itinerante o di servizio proposte durante l’estate, rappresenta un momento educativo importante e di investimento di forze per la nostra comunità tutta, in particolare per che si occupa dell’oratorio e che ringrazio in anticipo per tutto il lavoro fatto e da farsi.

Ci sono sempre due errori comuni da correggere: il primo riguarda il fatto che, siccome non si hanno magari bambini e nipoti coinvolti la cosa ci interessa poco o per nulla. In realtà  deve interessare tutti comunque, anche solo dal punto di vista dei contenuti e delle cose che si fanno! Inoltre l’oratorio estivo e tutta la proposta per l’estate non è finalizzata ad occupare il tempo dei ragazzi venendo incontro al solo i problema - pur reale -  del “cosa fanno se non vanno a scuola, dove li mettiamo ecc…” Questo è un momento educativo che si inserisce nel cammino della catechesi, della formazione, del servizio costante che i ragazzi vivono 12 mesi all’anno e della fede in Gesù che sono chiamati ad approfondire 12 mesi all’anno per affrontare le sfide della vita “ secondo il pensiero di Cristo” 12 mesi all’anno... Cioè esattamente il contrario di quello che fanno gli adulti di oggi ormai “schizofrenici” e divisi dentro e fuori 12 mesi all’anno…Ma dopo la “filippica” del parroco la parola più pacata del coadiutore don Daniele…

“L'oratorio estivo 2019 completa il trittico educativo che gli oratori della Lombardia hanno elaborato e proposto a tutti i ragazzi della Regione. Un percorso ampio, che ci ha portato a contemplare la bellezza della creazione di Dio, attraverso lo stupore per la nostra possibilità di partecipare e di contribuire al bene di tutti, fino alla considerazione che proprio ciascuno di noi è il grande talento, è il bene prezioso che Dio stesso consegna alla storia del mondo.

Bella storia! è l'esclamazione di stupore che troviamo facilmente sulla bocca dei nostri ragazzi quando la vita ci spiazza per la sua imprevedibile bellezza. In oratorio guardiamo tutto con gli occhi di Gesù: è lo sguardo dello stupore, sensibile alla bellezza, anche quella nascosta. Ogni oratorio custodisce una storia, magari lunga decenni. Ma l'oratorio non è soltanto il luogo della memoria, dove si conserva una storia. In ogni oratorio si scrive la storia. Una bella storia! La tua, la mia. La storia di migliaia di ragazzi, di animatori, di educatori. La storia bella della passione educativa, disseminata nelle nostre parrocchie.

La bella storia è ancora da scrivere. Ogni estate l'oratorio diventa una pagina nuova della vita di ciascuno di noi! In questo oratorio estivo scriviamo una pagina della nostra vita! Questa storia non è mai un monologo. È sempre un racconto che compone insieme storie diverse. Sono gli amici che incontreremo nel corso di queste settimane, che ci accompagneranno alla scoperta dei nostri talenti personali. Scrivono la storia con noi tutti i ragazzi degli oratori. Scrivono la storia gli animatori e gli educatori. I don, le consacrate, i genitori e amici. Tutti possiamo lasciare un segno bello! Ma certo: questa pagina nuova e bella della storia della nostra vita, la scriviamo con Gesù. La fantasia dello Spirito Santo ci saprà ispirare, ci renderà creativi, aperti, entusiasti.  Tutti insieme diciamo: bella storia”! 

 

DAL 10 GIUGNO AL 28 GIUGNO TUTTO IL GIORNO DA LUNEDI’ A VENERDI’

 Entrata: ore 8,30 - 9,30

Conclusione attività: ore 17,30.

 Dalla PRIMA elementare conclusa alla TERZA media compresa.

 

  

 

“La Bibbia in pillole”

curiosità bibliche  a cura di D. Di Donato

Domenica, 19 Maggio, durante la Messa, leggeremo Giovanni 13, 31-35

Al versetto 34 leggiamo: " come io ho amato voi, così amatevi anche voi l’un l’altro.” La gloria di Dio si è sempre manifestata come ḥesed weʾĕmet, «amore e lealtà» (Es 34,6). La novità è che qui diventa comandamento per il discepolo. Ma attenzione: è un comandamento che non chiede nulla né per Gesù, né per Dio; l’unica richiesta riguarda il fratello («amatevi l’un l’altro»). Gesù chiede amore per l’altro, che il discepolo risponda con amore. Ma l’agape «amore» giovanneo non è da meno della ṣedāqâ «giustizia» di Isaia; al contrario, ne è il suo pieno compimento. La “novità” è che diventa praticabile non per la buona volontà o per un particolare impegno del discepolo, ma per il fatto che Gesù per primo ha amato noi così.

 

 

 

CALENDARIO

 

19/5 Domenica V di Pasqua

Vedi pagina interna

20/5 Lunedì

ore 20.45: Rosario  - cortile di Via Rogoredo 113

 

21/5 Martedì

ore 18.30: Serata fine catechesi 2ael. e 3ael.                                            Cucina aperta

22/5 Mercoledì

ore 20.45: Rosario nel cortile di Monte Popera 16/16-18

 

23/5 Giovedì

ore 18.30: Serata fine catechesi 1a Md./ Preado                                        Cucina aperta

 

24/5 Venerdì Maria Ausiliatrice

ore 18.00: S.Messa distinta in chiesa

ore 19.00: Cena Gruppo Chierichetti

ore 20.45: Processione mariana

 

25/5 Sabato Strarogoredo 2019 -

Serata culinaria a cura dei “Giovani”

 

26/5 Domenica VI di Pasqua

ore 11.30: Messa Solenne del festone

ore 13.00: Pranzo comunitario (su prenotazione)

ore 16.00: ”Concerto dei “Piccoli cantori di Milano” (in chiesa o polisala)

Sera: cucina aperta e animazione musicale

SUFFRAGI

 

20/5 Lunedì

ore 18.00 Reho Gerardina

 

21/5 Martedì

ore 18.00 Rioldi Maria Cremonesi

 

22/5 Mercoledì

ore 18.00 Angelo Bisleri, Esterina,Giovanni

 

23/5 Giovedì

ore 18.00 Rossi Mario, Amalia, Bruno

 

24/5 Venerdì

ore 18.00 Leone Grazia Maria Tina

 

25/5 Sabato

ore 18.00 Titani Angelo e Fam. Conca; Saverio, Dina, Gianni, Anna.

 

ARCHIVIO

 Sono tornati alla casa del Padre celete: Cighetti Luciana di anni 92; Filipello Luciano di anni 73

---------

Si ringrazia sentitamente “La Cartogiochi” per quanto offerto in occasione della Festa di Maggio.