Foglio delle Campane di Rogoredo
Comunicazione di Formazione Religiosa
 
foglio domenicale

TEMPO di AVVENTO 4

Vorrei riprendere qui alcune riflessioni proposte la scorsa domenica a partire dai testi della liturgia dell’Avvento che stiamo vivendo. Tra gli appelli costanti dei Vangeli e dell’intera storia della salvezza, ce n’é uno che risuona particolarmente urgente anche oggi, ed è quello alla conversione, al ritornare sulle strade del Signore, a credere e fidarsi di Lui perché, come ci ricorda il profeta Isaia Lui è il Signore anche di tutti coloro che non lo conoscono o non la riconoscono come Dio e Signore, come nel caso dell’ignaro imperatore di Persia Ciro il Grande, ricordato nella prima lettura della scorsa domenica : ”Io ti ho chiamato per nome, ti ho dato un titolo, sebbene tu non mi conosca. Io sono il Signore e non c’è alcun altro, fuori di me non c’è dio; ti renderò pronto all’azione, anche se tu non mi conosci, perché sappiano dall’oriente e dall’occidente che non c’è nulla fuori di me. Io sono il Signore, non ce n’è altri.

Gesù inizierà la sua missione pubblica proprio con questo invito urgente e per certi versi imperativo:” Convertitevi e credete al vangelo” Perché questa parola così decisa? Perché ne va della vostra vita adesso e per il secoli dei secoli. Certo, molti non sono nemmeno più interessati alle questioni di religione o di fede, ritenendo che in fondo sia tutta una invenzione umana. E poi moltissimi non si fidano di chi è stato messo nella condizione di dover fare il profeta e la coscienza critica, in un mondo che non tollera molto richiami e inviti al cambiamento in nome della libertà di fare quel che si vuole senza leggi, morale, doveri e men che meno un Dio  che ti indichi la strada giusta su cui camminare. Prima però di tagliar fuori il Signore dalla nostra vita dovremmo, per lo meno, metterci in ascolto di Lui e vedere  i segni che gli ha compiuto e compie dentro questa storia proprio per noi uomini, di fatto distratti e ignari di tutto.  Anche Giovanni Battista ha dovuto vivere la sua conversione, rivedendo i suoi giudizi sul Messia  e reindirizzandosi pazientemente dietro a Gesù. E anche per lui non è stato semplice lasciarsi dirottare verso la verità rispetto alla sua opinione (pur se autorevole, trattandosi di Giovanni il Battista, il più grande tra i nati di donna come dice qui Gesù stesso). Cosa gli mancava? Quello che invece ha in dono per fede il più picciolo discepolo del regno che ha riconosciuto in Gesù il Signore e lo segue. Il più piccolo del regno è colui che passa  dall'essere centrato su di sé e sulle sue opinioni al decentramento su Gesù che riconosce Signore e Salvatore della sua piccola ma preziosissima vita. La conversione di Giovanni Battista consiste  nel passare dall'attaccamento a una immagine del Messia ad un'altra nuova e per molti versi inedita. Di fatto, attenendosi a quanto  sembravano dire gli antichi profeti, il Messia doveva scendere in guerra con i nemici del suo popolo, desideroso di liberare Israele dalla schiavitù nella quale era caduto a causa dei suoi peccati.  Ma dopo che i suoi discepoli gli parlavano di quello che diceva e faceva Gesù - "Giovanni fu informato dai suoi discepoli di tutte queste cose" - dentro di lui sorgono diverse domande per cui decide di trasmettere direttamente a Gesù la sua perplessità: "Chiamati quindi due di loro, Giovanni li mandò a dire al Signore: ‘Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?'". In fondo Giovanni è tentato di scandalizzarsi di Gesù perché non corrisponde alla sua immagine di Messia. Così anche la “roccia del deserto” non va esente da dubbi e perplessità. Anche noi abbiamo giorni in cui è più facile proclamare con sicurezza che Gesù è l'Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo, è il nostro re e il nostro liberatore. Ma poi ci sono giorni in cui siamo più scossi e provati, stanche e sfiduciati e non sappiamo più cosa dire… Anche a riguardo di Gesù. E Gesù cosa fa? Quel che fa con tutti quelli che lo incontrano da 2000 anni: con i discepoli di Giovanni Gesù è chiaro: "andate e riferite ciò che avete visto e udito (e non solo quel che penso io, la mia opinione, io ritengo che…) Metti un attimo da parte il tuo io sapientone ascolta e guarda : i ciechi riacquistano la vista, gli zoppi camminano, i lebbrosi sono purificati, i sordi odono, i morti risuscitano, ai poveri è annunciato il Vangelo". Un conto è la fede delle idee che mi sono fatto io di Dio prendendo un po’ qua e un po’ la a mio piacere, e un conto è fare come Gesù che Si prende cura dei poveri, dei più deboli, degli scartati di sempre e da tutti e da li ti invita a credere e fidarti che il messia è Lui e lui realizza in pieno le profezie antiche e più ancora i desideri più veri del cuore umano. Più che rispondere alla domanda se è Lui o non è Lui il Messia, Gesù preferisce rimandare ai fatti per aiutarci a giudicare quindi a decidere la nostra conversione. A fatti di Vangelo però che profumano di Lui e che sono i segni più eloquenti della sua identità più vera.                           

 

                                          Don Marco

 

        UN “SORRISO” DAL GRUPPO FAMIGLIE

ll gruppo famiglia quest'anno si incontra per confrontarsi, aiutati da d. Marco a partire dal testo degli Atti degli Apostoli  per riflettere su come una “Chiesa” diventa famiglia e una famiglia diventa “Chiesa” per ripartire insieme in questo tempo non facile.

Desideriamo condividere un  pensiero che vorrebbe sintetizzare quanto  emerso dai lavori a gruppi di sabato 27 novembre ed essere augurio e impegno per tutti :

  “INSIEME, PER “FARE CON IL CUORE” E AFFRONTARE LA FATICA”

 

 

LETTERE DI NATALE ALLE FAMIGLIE e AI BAMBINI/E 

 

 

Per far giungere nelle case i consueti auguri natalizi, l’arcivescovo Mario Delpini ha immaginato quest’anno che a scrivere fosse la “Mamma di famiglia”, Gianna Beretta Molla. Si rivolge così, attraverso una serie di lettere “firmate” dalla Santa, alle persone che si preparano a festeggiare il Natale: la nonna, la

ragazzina, il bambino vivace, il medico, il sindaco, il parroco, lo straniero… per concludere con un pensiero dedicato a chi il giorno della festa lavorerà. Una benedizione, un messaggio di vicinanza e di speranza per superare i momenti difficili e gioire della nascita di Gesù.  La lettera alle famiglie 2021 dal titolo Cari amici vi scrivo… Lettere immaginarie di santa Gianna per il Natale in famiglia  sarà disponibile a partire dal 3 novembre presso tutte le librerie cattoliche e sul sito www.itl-libri.com acquistabile in libreria e online.

E’ disponibile da giovedì 2 dicembre anche un nuovo racconto di Natale per i bambini scritto da monsignor Mario Delpini dal titolo La via di Natale. Scrive l’Arcivescovo: «Care bambine, cari bambini, quest’anno vi accompagno verso il Natale con il racconto di don Tommaso, un giovane parroco di Milano….La storia che leggerete, divisa in otto episodi, racconta di un bambino della vostra età, Nicolò, alle prese con un presepe vivente e un imprevisto che gli farà vivere il Natale e l’arrivo di Gesù in modo ancora più speciale! Auguro anche a voi di vivere questo tempo di attesa con gioia, insieme alle vostre famiglie e a quanti incontrerete

 

 

PER UN CAMMINO CONDIVISO...

  • Animazione delle celebrazioni eucaristiche domenicali

Dal Lunedì al Sabato :                         ogni mattina ore 8.45 Lodi  -   ore 9.00 S. Messa                                          

                                                                              ore 17.30 S. Rosario - ore 18.00 S. Messa                                           

  • Cenacolo di Avvento : ogni  Mercoledì  dalle 21.00  alle 22.00

Un tempo di preghiera e adorazione comunitaria animata.  

  • Libretto per la preghiera personale quotidiana : «La Parola ogni giorno» 
  • Per ragazzi ado. e giovani : si vedano i calendari dei diversi gruppi

 N.B. In sacrestia è possibile acquistare il libretto dei canti personale da portare alle S. Messe fin quando non si potrà nuovamente rendere disponibili i libretti per tutti.


 

In collaborazione con la Caritas parrocchiale:                                                     

“Avevo Fame…” raccolta alimentare domenicale nelle modalità già  condivise gli scorsi  anni  (sarà indicato ogni domenica il prodotto da portare la domenica successiva).                                         

Per la PROSSIMA DOMENICA portiamo : PANNOLINI (taglia 3-4-5-6)

 

IMPEGNO COMUNITARIO                                                                                                       

Ci impegniamo tutti per una maggiore e più efficace  comunicazione all’interno della comunità (tra gruppi della parrocchia per es.) e verso il Quartiere. Comunicazione che non vuol dire solo “conoscere”, “passare informazioni”, ma “conoscersi” tra di noi, tra le diverse realtà. Forse la pandemia ci ha spinto a “delegare” troppo la comunicazione ai mezzi “social”. In realtà comunicazione non è solo condividere/passare una locandina o un messaggio su WhatsApp, ma ci chiama a una comunicazione personale, di “passaparola” con le persone con cui veniamo in contatto, nella logica della costruzioni di “relazioni sempre più autentiche”.                     

(dalle sintesi dell’ Assemblea parrocchiale 2021


 

VISITA NATALIZIA ALLE FAMIGLIE 2021 - III settimana 

Dopo i difficili mesi del Covid 19 che ci hanno di fatto limitato in molte attività della pastorale ordinaria della parrocchia, vorremmo provare a riprendere la tradizionale visita prenatalizia alle famiglie del quartiere che la desiderano. Ci sono ancora delle limitazioni indicate dalle autorità che dobbiamo rispettare :

1.Chi effettua la visita dovrà essere sempre una singola persona: ministro ordinato, consacrata o consacrato, laico o laica. Egli o Ella visiterà esclusivamente le famiglie che hanno fatto richiesta oppure quelle che hanno ricevuto precisa comunicazione circa il giorno e l’ora della visita in modo che possano essere debitamente preparate. Eventuali accompagnatori di colui o colei che effettua la visita attenderanno all’esterno delle abitazioni.

I fedeli saranno avvertiti che non è possibile visitare le case in cui vive chi ha avuto sintomi influenzali o temperatura corporea superiore ai 37,5°C negli ultimi tre giorni; chi si trova in quarantena o in isolamento; chi ha
avuto contatti con persone positive al COVID-19 negli ultimi 14 giorni, salvo diversa disposizione dell’Autorità sanitaria.


I fedeli saranno avvertiti che durante la visita:
a. Si sosterà, se possibile, in un ambiente che sarà arieggiato prima e dopo il momento di preghiera oppure ci si fermerà sulla soglia;
b. Tutti i presenti dovranno tenere la mascherina;
c. Si manterrà sempre la distanza interpersonale di un metro.


  1. Chi effettua la visita non indosserà la semplice mascherina chirurgica ma una mascherina FFP2 o FFP3 senza valvola.

Riprenderemo le visite da Santa Giulia ma, invitiamo i condomini che non saranno visitati a vivere un momento di preghiera collegandosi on-line al canale Youtube della parrocchia durante la novena di Natale. Dall’8 dicembre in chiesa, troveranno anche le immaginette da portare nei condomini non visitati.

L’immaginetta, come sempre, sarà data al momento stesso della visita la dove si recheranno i sacerdoti. La tradizionale offerta di Natale può essere data al sacerdote o portata in chiesa direttamente in una busta.

Per le persone ammalate che lo richiedono, i sacerdoti o le suore passeranno comunque per la visita Natalizia, la comunione e la confessione, anche se abitassero nelle vie che non visitiamo .

 

Elenco delle Vie Visitate la 4a Settimana dalle 18.30 alle 20.00

 

   

 Giovedi  2/12  

         

 

Venerdi   3/12  

 

 

 

 Severini  2 - 4

 Savinio   8       

 

         Severini 6 - 8

         Orwell    2-4-6

 

       

 

 

 

A tutti in anticipo un buono e fruttuoso Santo Natale.

I Sacerdoti e le Suore

 

NESSUNA PERSONA E’ AUTORIZZATA DALLA PARROCCHIA A RITIRARE OFFERTE

 

 

 

 

 

 

AIUTACI AD AIUTARE

Come negli anni passati è possibile sostenere l’aspetto “economico” della parrocchia attraverso versamenti e offerte che possono essere rimborsate fiscalmente se si ha partita iva.

Nei mesi scorsi abbiamo  sistemato il tetto della chiesa . Ora dovremo adeguare l’appartamento delle suore per le nuove in arrivo e portare a termine il progetto del riscaldamento nuovo della chiesa più le spese ordinarie…

Il conto su cui è possibile effettuare anche detrazioni fiscali è quello intestato alla parrocchia su: 

BPM / Milano : Iban: IT 39 G 05034 01750 0000 000 10716

Parrocchia Sacra Famiglia in Rogoredo  - Sostegno opere parrocchiali

E’ sempre possibile continuare a sostenere l’azione della nostra  Caritas Parrocchiale con offerte semplici su

UNICREDIT : Iban:  IT 70 J 02008  01637 0001 054 96001 Caritas parrocchiale Rogoredo    

  

DIANOVA : Il nostro Grazie

Carissimo Don Marco, grazie!

Grazie per averci dato la possibilità di presentare Dianova come alternativa alle problematiche di dipendenza da sostanze ed alcol nelle giornate del 27 e 28 novembre 2021 presso la Vostra Parrocchia. E’ con estrema gratitudine che siamo lieti di comunicarle quanto raccolto a sostegno del progetto “In Ascolto”:  693,90 

La preghiamo inoltre di ringraziare i fedeli per la loro sensibilità e per il loro sostegno. Nella speranza che questa nostra preziosa amicizia possa proseguire anche in futuro le ricordiamo che siamo sempre a disposizione per sostenervi sul delicatissimo tema delle dipendenze, con incontri di informazione e prevenzione rivolti ad adolescenti, genitori e catechisti. Grazie ancora da parte di tutti noi! Un caro saluto Lorenzo e Mariastella

 

“La Bibbia in pillole”

curiosità bibliche  a cura di D. Di Donato

Domenica 5 Dicembre, durante la Messa, leggeremo Isaia 4, 2-5

In questo brano, al versetto 5, leggiamo: “allora JHWH creerà sopra l’intero sito del monte Sion” L’irruzione del giudizio di JHWH a purificare il suo popolo, si concentra sul luogo del Tempio: il hammākôm «il luogo», che era il vocabolo per indicare il posto ove dimorava la divinità (Es: 1 Re 8,39-49; Es 15,17), non è un luogo statico e fisico, ma è una teofania sul modello del cammino esodico: nube di giorno e colonna di fuoco nella notte. JHWH non troneggia nell’angusto spazio di un tempio. La sua gloria (kābôd), ovvero la sua “pesante” presenza, si sposta con il suo popolo, spostandosi di tappa in tappa con la tenda (sukkâ) del suo pellegrinaggio (2 Sam 7,1-7).

 

 

CALENDARIO

 

5/12 Domenica IV d’Avvento

 

7/12 Martedì S.Ambrogio Vigiliare dell’Immacolata

 

8/12 Mercoledì Immacolata Orario Fest. Messe

 

9/12 Giovedì

ore 21.00 incontri biblici per gli adulti (in streaming)

 

11/12 Sabato

ore 10-11.30 Catechismo 3elem/ 4

Corso Nuovi Chierichetti

ore 16.00: Incontro genitori Battesimi 12 - 26 dicembre e 6 gennaio

 

12/12 Domenica V d’Avvento

Uscita Lunga Branco Scout

ore 15.30 Battesimi

ore 16.30 S.Messa di II Elementare

ore 16.00 Incontro culturale: “Alla scoperta del Benin e delle sue tradizioni”

ore 21.00 : I Incontro gruppo giovani Adulti

 

 

SUFFRAGI

 

12 Martedì

ore 18.00 Fam. Ferri; Fam. Piacentini e MariaRosa

 

9/12 Giovedì

ore 18.00 Carmen Cencioni; Russi Francesco e Enrica;  AngelaMaria e Delizia; Gerardo GianGaspero

 

10/12 Venerdì

ore 18.00 Semighini Emilio e Monica

 

ARCHIVIO

 

Hanno ricevuto il Sacramento del Battesimo: Tommaso Di Cerbo; D’Auria Leonardo Riccardo e Adriano Alessandro

 

Hanno fatto ritorno alla casa del Padre celeste: Titani Mario di ani 80 Magnoni Dario di ani 74; Badalamenti Maria di anni 70

 

OFFERTE

 

Per Caritas Euro 600 dalla vendita torte . Grazie a tutti.